Ricordare la giornata della memoria

 
Il 1° novembre 2005 l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha adottato la Risoluzione n. 60/7 (link alla fine dell’articolo), con lo scopo di esprimere una ferma condanna verso ogni manifestazione, su base etnica o religiosa, di intolleranza, incitamento, molestia o violenza contro persone o comunità.

La scelta della data è ricaduta sul giorno assurto a simbolo della fine della Shoah, quello nel quale l’Armata Rossa ha liberato il campo di prigionia di Auschwitz, cioè il 27 gennaio (del 1945).

L’Assemblea, tramite la Risoluzione, chiede al Segretario Generale delle Nazioni Unite di istituire programmi di sensibilizzazione sull’Olocausto, nonché misure volte a mobilitare la società civile per ricordare l’Olocausto e prevenire futuri atti di genocidio.

L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ribadisce che “l’Olocausto, che provocò l’uccisione di un terzo del popolo ebraico e di innumerevoli membri di altre minoranze, sarà per sempre un monito per tutti i popoli sui pericoli causati dall’odio, dal fanatismo, dal razzismo e dal pregiudizio”.

Ogni anno sono molti gli eventi organizzati dalle più varie realtà per commemorare le vittime dell’olocausto, molti dei quali in evidenza proprio sul sito delle Nazioni Unite in una apposita pagina.

Consulta qui il testo della Risoluzione 60/7 

Rimani connesso con Centro Sarg: segui e condividi i nostri aggiornamenti sul tuo social preferito!

 
Ti è piaciuto questo articolo?
Richiedi consulenza su questo argomento:

info@centrosarg.com

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condivisioni:
CrestaProject